La villeggiatura a Bellagio è una storia antica. Il primo fu lo scrittore latino Plinio il Giovane.

 
CERCA PER ZONA

Bellagio
La perla del lago di Como

Comune di Bellagio
Provincia di Como
Regione Lombardia

Abitanti: 3.747
Altitudine centro: 229 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Comunità Montana Triangolo Lariano

Aree naturali protette:
Monumento naturale regionale di Pietra Lentina
Monumento naturale regionale di Pietra Luna

Comune di Bellagio
Via Garibaldi 1 - Bellagio (CO)
Tel. +39 031 950815

PromoBellagio
Piazza della Chiesa 14 - Bellagio (CO)
Tel. +39 031 951555
Facebook

Pro Loco Bellagio
Piazzetta Cav. Augusto Bifolco 1 – Bellagio (CO)
Tel. +39 331 6505405

La villeggiatura a Bellagio è una storia antica. Il primo villeggiante di cui si ha notizia è stato lo scrittore latino Plinio il Giovane (I° secolo d.C.), che sul promontorio possedeva ben due ville. Nel corso dei secoli la posizione strategica al centro del lago rese Bellagio molto importante e sempre molto contesa. Nell’alto Medioevo Bellagio fu dominata dalla vicina città di Como, ma nel 1100 era già un libero comune, sede di tribunale. Nel XIII secolo Bellagio entrò a far parte del ducato di Milano sotto la dominazione della famiglia Visconti. A Bellagio era stato assegnato il compito di difendere e sorvegliare il lago, e per questo fu creato un magistrato, il Capitano del Lario, attorno alla cui figura si formò la “Comunità delle Terre del Lago” a sostegno degli interessi dei comuni lariani, che rimase viva per circa due secoli. Nel XVI secolo, iniziò la dominazione spagnola che oppresse la Lombardia e Bellagio per circa duecento anni: tale dominazione venne ricordata da Alessandro Manzoni nel suo celebre romanzo ‘I promessi Sposi”. A Bellagio rimane una testimonianza suggestiva della dominazione spagnola, la scalinata detta “Derta” che va da Guggiate a San Primo.

La storia più recente di Bellagio, dall’epoca napoleonica ai giorni nostri, è legata al fascino della sua posizione e all’importanza crescente che la villeggiatura e il turismo hanno avuto dalla metà del XVIII secolo in poi. Sul promontorio sorsero moltissime splendide ville, immerse in parchi favolosi, dove l’aristocrazia lombarda trascorreva lunghi periodi di vacanza circondandosi di ospiti illustri, artisti e poeti. Nell’Ottocento, nonostante fosse ancora difficilmente accessibile, se non via lago, Bellagio era una vera e propria corte. Verso la metà del secolo si aprirono i primi grandi, lussuosissimi alberghi, che facevano concorrenza per eleganza e sfarzo a quelli delle capitali europee. Il primo fu l’Albergo Bellagio, nato nel 1825 dalla trasformazione della vecchia osteria di Abbondio Genazzini, e poi successivamente ancora trasformato nel primo vero hotel del Lario: l’Hotel Genazzini. Seguendo l’esempio di questo precursore nacquero nel giro di pochi anni alberghi splendidi in quantità, e molti di essi sono ancora operanti, spesso di proprietà delle stesse famiglie di allora. Praticamente tutti i personaggi più illustri degli ultimi due secoli hanno apposto il loro nome nell’albo d’oro di Bellagio: il grande musicista Franz Listz, ad esempio, vi trascorse una lunga e incantata luna di miele con la contessa D’Agoult e lì compose alcune delle sue musiche immortali. Non mancarono teste coronate, re e imperatori (il Kaiser Guglielmo, Leopoldo I del Belgio o la Regina Maria di Romania). Molti artisti e scrittori come Parini, Manzoni, Tommaso Grossi, Nievo, Stendhal, Flaubert e Marinetti. E negli ultimi anni, anche numerosi attori del cinema subirono il fascino di Bellagio: Clark Gable, Robert Mitchum, Romy Schneider, Philippe Noiret, Al Pacino, Adriano Celentano, Renato Pozzetto, Alberto Sordi, George Lucas, Natalie Portman, Ewan McGregor, Hyden Christensen, Robert De Niro e George Clooney.

Bellagio è stata una delle prime località turistiche italiane a diventare veramente internazionale e non è mai degenerata in una “macchina da turismo”. Ha sempre preservato e mantiene tuttora quel carattere raccolto e un po’ schivo che l’ha fatta diventare aristocratica ma non altezzosa, semplice nella sua raffinatezza, alla mano come una vera signora. E' stato realizzato un nuovo centro espositivo, la Torre delle Arti, proprio per rispondere alle nuove istanze culturali. Si trova nel cuore di Bellagio. Un’antica torre medievale, ristrutturata per accogliere eventi di diverso genere: seminari, conferenze stampa, incontri e presentazioni di libri.

Video di Giuseppe Sigrisi

Altre destinazioni nelle vicinanze

Varenna
Varenna
Lecco - 4.01 KM da Bellagio
Menaggio
Menaggio
Como - 5.01 KM da Bellagio
Arnosto
Arnosto
Bergamo - 24.58 KM da Bellagio
Rota d'Imagna
Rota d'Imagna
Bergamo - 25.41 KM da Bellagio
Costa Valle Imagna
Costa Valle Imagna
Bergamo - 27.28 KM da Bellagio
Corna Imagna
Corna Imagna
Bergamo - 27.37 KM da Bellagio

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Conoscete Oriolo, la 'Matera calabrese'?
Conoscete Oriolo, la 'Matera calabrese'?
Alla scoperta di un piccolo borgo medievale in provincia di Cosenza che non ha nulla da invidiare alla Città dei Sassi
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione
Arnosto, il villaggio delle fiabe che vuole diventare una splendida realtà turistica
Arnosto, il villaggio delle fiabe che vuole diventare una splendida realtà turistica
Ai piedi delle Alpi Orobiche c'è un piccolo borgo in pietra che entro il prossimo anno diventerà un centro di promozione e animazione culturale
By Redazione
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Ad Arrone arriva la realtà aumentata
Ad Arrone arriva la realtà aumentata
Il borgo medievale umbro si apre al turismo multimediale, un progetto innovativo che permetterà ai visitatori di ripercorrere la storia del paesino attraverso tecnologie avanzate e l'ausilio di una app
By Redazione
La storia degli Orsanti: a Vigoleno nacquero i primi artisti di strada
La storia degli Orsanti: a Vigoleno nacquero i primi artisti di strada
Nel borgo medievale piacentino è custodito un museo che racconta la vita girovaga di antichi ammaestratori di orsi, protagonisti di spettacoli acrobatici in tutta Europa durante il 1700
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi


Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/borgo.php on line 2699